Dove dormire a Salisburgo

SALISBURGO

Dove dormire a Salisburgo?

Salisburgo è una città incantevole, piena di fascino e atmosfera avvolgente. Sebbene piccolina ha innumerevoli bellezze da vantare, oltre che attività, iniziative e cose da fare.

Arrivando non si può non notarla. Da qualsiasi direzione la rocca del Castello, Hohensalzburg, svetta imponente e fiera, come dipinta su una tela. Sotto di lei i tetti appuntiti e rossi (o grigi) degli edifici con il loro stile inconfondibile.

 

PUO’  INTERESSARTI ANCHE  SALISBURGO IN UN GIORNO ←

 

DOVE DORMIRE A SALISBURGO

Abbiamo soggiornato solo 2 notti a Salisburgo. Ci è dispiaciuto un sacco lasciarla, avremmo preferito avere più tempo… ma a volte i ritmi di viaggio sono ‘malandrini’.

Haus Ballwein

HAUS BALLWEIN

Pernottare alle porte di Salisburgo si è si è rivelata una scelta davvero eccellente : economica, ben posizionata e molto accogliente. Abbiamo optato per un B&B subito fuori città per comodità, avendo l’auto al seguito.

Haus Ballwein” si trova nella periferia di Salisburgo, in piena zona rurale di campagna. 

Offre sistemazioni sia in modalità appartamento che in camere private. In entrambi i casi si ha diritto a una ricca e varia colazione preparata e servita direttamente da una padrona di casa piena di attenzione.

 

Uova sode, o alla coque, mantenute calde nell’apposito contenitore stile patchwork. Pane di vario genere, miele, marmellate e deliziosi dolci fatti in casa. Il tutto in una sala colazioni in legno e decorata in stile locale.

Un momento che non vorresti finisse mai!  😉 

 

Haus Ballwein- dormire a Salisburgo

Haus Ballwein - dormire a Salisburgo

 

I proprietari sono estremamente disponibili, gentili e con tanta voglia di scambiare qualche chiacchiera.

Il parcheggio è ampio e si trova all’interno della proprietà privata senza sbarre né alcun vincolo di orario.

 

La fermata del bus per il centro è a pochi passi : il numero 21 impega 10/13min.

E’ semplice raggiungere in centro anche con l’auto e solitamente non c’è molto traffico, tranne nelle ore di punta. Tenete conto che , in questo caso, la macchina è da lasciarla in uno dei numerosi parcheggi più o meno vicini all’area pedonale.

 

> Parcheggi : noi abbiamo parcheggiato al ‘Altstadt Garage‘, ricavato nella roccia della Moenchs Berg. E’ strutturato a più livelli e incastonato nella ‘montagna’, con accesso privilegiato al ‘Festspielhauser’. In parole povere, a ridosso del centro storico. In ogni caso ve ne sono molti altri, tutti con facile accesso al centro città.

 

dormire a Salisburgo

TIPS

Ente del turismo austriaco > http://www.austria.info/it

Ufficio del turismo di Salisburgo > http://www.salzburg.info/it

 

> POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE ALTRI POST SULL’AUSTRIA <–

 

Grazie per il vostro tempo, spero questo post vi sia stato utile.

#Travelbreath

 

 




Schloss Tratzberg – I castelli del Tirolo austriaco

SCHLOSS TRATZBERG

Il Castello di Tratzberg, Schloss Tratzberg , è un vero e proprio tuffo nel passato, in quel Medioevo fatto di dame, cavalieri, feste e banchetti. E’ una visita appassionante e avvincente per tutta la famiglia.

Schloss Tratzberg si trova in prossimità della cittadina di Jenbach, a metà strada fra Innsbruch e Kufstein.  Siamo nel cuore de Tirolo austriaco più autentico, tanto per rendere l’idea.

Percorrendo la Valle del fiume Inn lo si vede arroccato sul pendio della collina, bianchissimo e quasi surreale.  In realtà è piuttosto piccolo, non un castello gigantesco come ci si immaginerebbe. Questo non compromette affatto il suo aspetto fiabesco: un vero gioiello!

 

Schloss Tratzberg - armeria

 

Schloss Tratzberg fu costruito attorno al 1500 e successivamente ampliato e arredato in stile rinascimentale.  Per lungo tempo è stato residenza di caccia per l’imperatore Massimiliano e per la famiglia Fugger.

Dal parcheggio auto abbiamo preso il trenino che in pochissimi minuti ci ha accompagnato fino al portone del castello. Nella parte sinistra ci sono gli uffici ai quali rivolgersi per acquistare il biglietto e ritirare l’audioguida.

Schloss Tratzberg

 

L’entrata è possibile SOLO con visita guidata poiché la dimora è privata perciò l’accesso alle varie stanze è regolato e controllato. Per lo stesso motivo, purtroppo, non è possibile fotografare gli interni.

 

Dal portone principale si accede a una ‘sala d’attesa’ con adiacente shop. La lucina verde audio-guida si accende quando il turno è arrivato e via!

 

CHE LA VISITA ABBIA INIZIO !

Una ragazza è incaricata di scortare i piccoli gruppi attraverso le aree più belle e affascinanti dell’edificio.  Muniti di cuffiette con impostata la propria lingua ci siamo fatti ‘accompagnare’ dal personaggio di turno.  La voce narrante cambia di stanza in stanza, a seconda del protagonista che più la rappresenta.

I più piccoli saranno invece ‘accompagnati’ direttamente dalla voce di “Trazi”.  Questo amichevole fantasmino del castello che racconterà loro le avventure dei vari personaggi realmente esistiti.

Schloss Tratzberg

Le dimensioni del castello sono piuttosto contenute, magari ci si aspetterebbe qualcosa di diverso, più maestoso. Ma la sua bellezza risiede proprio nell’essere una piccola chicca molto ben curata, con stanze di uno splendore davvero unico.

Entrati nel cortile interno si è immediatamente colpiti dai colori dei decori color ocra sui muri. E’ una sensazione avvolgente e accogliente che difficilmente si riesce a provare in questi antichi edifici.

 

Schloss Tratzberg

Schloss Tratzberg

 

I corridoi al piano superiore hanno un loggiato ad archi che si affaccia sul cortile semplice e ordinato.

 

Le stanze sono l’una diversa dall’altra, ciascuna con le proprie particolarità in base alla destinazione d’uso. Sala da pranzo, soggiorni, camere, camerette, intarsi, vetrate… e per finire la fornitissima l’armeria. E’ molto difficile descriverle poiché ognuna ha un suo stile con una grandissima varietà di dettagli.

 

Schloss Tratzberg

Schloss Tratzberg

 

Il salone principale spicca per le decorazioni lungo tutta la superficie delle pareti e del soffitto: una meravigliosa pittura muraria che raffigura l’albero genealogico della casa d’Asburgo. 

Schloss Tratzberg

 

Un albero dai cui rami “nascono” figure umane e che rappresenta, appunto, la dinastia della famiglia. L’ultima tappa l’armeria, al pian terreno.

 

 

Un grazie doveroso va ai conti Enzenberg, gli attuali proprietari, per il loro sforzo nella conservazione di un gioiello così prezioso.

 

 

TIPS

COME ARRIVARE E QUANDO ANDARE:

Pochi minuti da Jenbach e si arriva al parcheggio principale gratuito.

Da qui , al costo di 3€ a/r , un trenino bianco e rosso accompagna i turisti lungo il percorso tortuoso attraverso un boschetto.   

L’arrivo è direttamente alle porte del castello. Il tragitto è fattibile anche a piedi ma la passeggiata è lunghetta e in salita; si può comunque decidere di prendere la navetta solo in andata. Adiacente al piazzale d’attesa c’è un’utilissima area giochi attrezzata (e ordinata, come ovunque in Austria).

Controllate di avere con voi dell’acqua e qualche snack perché in zona castello non ci sono punti di ristoro. In caso prendetevi un buon tè e una deliziosa fetta di torta al bar in prossimità del parcheggio. Così sarete sicuri di aver fatto scorta di energie (e non avrete fretta di scendere a valle troppo presto)

Schloss Tratzberg

 

Aperto da Marzo a Novembre con orario 10.00 – 16.00

Biglietto di ingresso € 13.50 per gli adulti

E’ possibile partecipare a veri e propri banchetti a tema, su prenotazione naturalmente.

Tutti i dettagli sul sito di Schloss Tratzberg

 

L’accesso all’interno del castello non è consentito agli animali domestici. Di fianco alla biglietteria però c’è un ‘alloggio’ pensato proprio per loro. (A prescindere se uno ritenga più o meno opportuno separarsi dal suo fedele compagno di viaggio, mi sembra un buon servizio)

Schloss Tratzberg

 

DOVE DORMIRE

Noi abbiamo scelto come base di pernottare a Natters, al Wirtzhaus Nattererboden” che mi sento di consigliare spassionatamente. Ambiente unico, ottimo cibo, fattoria didattica e dei proprietari fantastici hanno reso il nostro soggiorno un vero sogno. Un ambiente perfetto per le famiglie, con ogni comfort e da vivere in piena libertà.

Inoltre è un punto strategico per esplorare l’intero Tirolo e la Valle dell’Inn, con distanze tranquillamente percorribili in giornata.  

 

> PUO’ INTERESSARTI ANCHE “TIROLO COI BAMBINI” <<<

 

 

State pensando di visitare l’Austria ?

Allora visitate il sito  e troverete certamente molti spunti di viaggio oltre che informazioni utilissime per organizzarlo al meglio. 

Nello specifico www.tirolo.com >> Schloss Tratzberg

 

icon-car.pngKML-LogoFullscreen-LogoQR-code-logoGeoJSON-LogoGeoRSS-Logo
TRATZBERG

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

TRATZBERG 47.384900, 11.742800




Salisburgo in un giorno | Travelbreath

Austria nel cuore

Da tempo avevamo voglia di Austria. Desiderio di verdi paesaggi, paesini pittoreschi, alte montagne e città a misura d’uomo, da poter esplorare a piedi comodamente e in tutta tranquillità. Ne ho già parlato e ne parlerò ancora, ma oggi vorrei soffermarmi su una tappa in particolare : Salisburgo.

 

–> POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE ALTRI POST SULL’AUSTRIA <–

 

Salisburgo, città del sale

E’ stato proprio il sale a dare il nome a Salisburgo: Salz-burg ovvero ‘città del sale‘. Le miniere sono state una risorsa fondamentale e fonte di grande ricchezza e potenza tanto da essere addirittura chiamato ‘oro bianco‘.

Ma veniamo a noi. Oggi Salisburgo è una città meravigliosa, di grande fascino barocco e curata nei minimi dettagli. Vi si organizzano feste, manifestazioni ed è sede di importanti eventi legati sopratutto alla musica e al teatro. 

A Salisburgo ci si muove benissimo a piedi e in poche decine di minuti si è in grado di attraversarla in lungo e largo. Il mio consiglio è però quello di viverla molto ‘slow’, passeggiando fra le stradine ed esplorandone gli angoli più nascosti.

Noi, per esempio, ci divertivamo a scovare i passaggi seminascosti fra un quartiere e l’altro: stretti varchi tempestati di negozietti dove talvolta si aprono corti interne con locali e altri esercizi commerciali.

Salisburgo
Mirabell

Avendo poco più di un’intera giornata a disposizione abbiamo optato per un walking tour guidato che ci desse un’infarinatura generale e ci raccontasse un po’ di storie e particolarità che difficilmente si trovano nelle comuni guide turistiche cartacee.

Così con la nostra Alexandra di Panorama Tours , con voce squillante e sorriso instancabile, ci ha accompagnato attraverso un percorso a piedi della durata di circa 1ora e 30, toccando i punti di maggior interesse.

 

Panorama Tours

Mirabell

Mirabell

 

Punto di partenza Mirabellplatz.

 

Il percorso ha inizio attraverso il Mirabellgarten, dei giardini incredibilmente colorati e affascinanti , arricchiti di statue, fontane e geometrie frutto del grandissimo e costante lavoro dei giardinieri.

 

Alla fine dei giardini si entra in Mozart-Platz , dove si trova la casa di Mozart. In realtà più conosciuta è quella ‘gialla’ nel centro storico che però è dove Wolfgang ha trascorso l’infanzia.

 

Di fianco c’è anche l’abitazione di Herr Doppler ( detto così non vi dirà molto), matematico e fisico austriaco famoso per aver ipotizzato l’effetto ‘Doppler‘, utilizzato  anche in medicina moderna.

 

Makartsteg è un romantico ponte pedonale, detto ‘ponte degli innamorati’, una passerella molto gettonata dalle coppiette che usano attaccare un lucchetto come simbolo d’amore. Da qui si ha una vista veramente suggestiva a tutto tondo sulla città.

Makartsteg

 

Attraverso la  Griegasse si entra nel fulcro del centro storico, col suo Duomo, il celebre orologio Glockenspiel con ben 35 campane e la Franziskanerkirche collegata al Residenz.

Fate un salto al Grunmarkt, un mercato all’insegna del green che si tiene ogni giorno in Piazza dell’Università.

La Festspielhaus è la famosissima sala concerti dove si tengono eventi anche molto importanti come il Festival di Salisburgo , in agosto.

Al numero 9 di Getreidegasse c’è la casa natale di Mozart, una casa museo con un’ampia collezione di strumenti, partiture e altri oggetti  appartenuti al musicista e compositore. E’ una strada lunga e stretta, con le caratteristiche insegne in metallo che sporgono dalle facciate degli edifici. Un tempo servivano per segnalare la merce principale in vendita nel negozio, oggi hanno valenza storica e decorativa, oltre che pittoresca.

E’ qui che termina il walk tour ed è qui che abbiamo salutato Alexandra, promettendo di tornare presto a trovarla.

Gedriedgasse

 

sALZBURG

 

Salisburgo non può essere riassunta in pochi punti e perdonatemi se ho cercato di schematizzarla ma questo mio post vuole anzitutto essere di spunto a chi si approccia per la prima volta alla città. 

 

Abbiamo lasciato fuori la Fortezza di Hohensalzburg, Hellbrunn, il castello di Mirabell, Petersfriedhorf e altro ancora ma con  questa breve infarinatura mi piacerebbe che vi venisse voglia di visitarla e di viverla.

 

Dolcezze austriache

In quanto a deliziosi dolciumi l’Austria ne ha abbastanza da raccontare. Fra i miei preferiti in assoluto la  celebre Sacher Torte (tipica viennese), i Mozartkugeln ( palle di Mozart, made in Salzburg), Apfelstrudel e Palatschinken.  A proposito di eccellenze dolciarie, qualcuno di voi ha mai provato la  Linzer Torte? 

La Linzer Torte, ovvero torta di Linz, è una torta austriaca che prende il nome proprio dall’omonima città. Tradizionalmente viene preparata (e consumata) durante le festività natalizie ed è molto diffusa in Europa centrale e anche in Nord America con una leggera variazione nella ricetta.

 

 

 

Linzer Torte : provatela anche a casa!

Insomma, una torta deliziosa e gustosa che potrete provare anche a casa vostra grazie alla ricetta di LadiesAreBaking . Questo post infatti fa parte della loro rubrica #worldfoodLAB dove saranno proposte tipicità dal mondo, proprio in abbinamento alla destinazione trattata dal travel blogger di turno. Potrete quindi viaggiare anche con i sapori della tavola, mica male, no?  

 

 

Dove dormire

La nostra esperienza è stata eccezionale. Abbiamo optato per un B&B subito fuori città, per comodità avendo l’auto al seguito.  HAUS BALLWEIN offre sistemazioni sia in appartamento che in camere; in entrambi i casi si ha diritto a una ricca colazione preparata e servita direttamente da una sorridente e premurosa padrona di casa. I proprietari sono estremamente disponibili, gentili e con tanta voglia di scambiare qualche chiacchiera. 

Il centro è raggiungibile in pochi minuti d’auto oppure con circa 10/13min. di autobus ( nr.21 ).

Haus Ballwein

 

–> Parcheggi : noi abbiamo parcheggiato al ‘Altstadt Garage‘, ricavato nella roccia della Moenchs Berg. E’ strutturato a più livelli e incastonato nella ‘montagna’, con accesso privilegiato al ‘Festspielhauser’. In parole povere, a ridosso del centro storico. In ogni caso ve ne sono molti altri, tutti con facile accesso al centro città.

 

Tips

Ente del turismo austriacohttp://www.austria.info/it

Ufficio del turismo di Salisburgohttp://www.salzburg.info/it

 

 

 

Grazie per il vostro tempo, spero questo post vi sia stato utile.

#Travelbreath

 

 

 



Booking.com




Festival delle luci a Swarovski Kristallwelten | Travelbreath

 

Swarovski Kristallwelten

C’è un luogo incantato, in Austria. Un luogo dove lasciarsi stupire e affascinare dallo scintillio dei cristalli e dalle installazioni a tema che invadono un parco. Una creazione sincronizzata di luci, ombre, natura e tecnica.

 

Cos’è ?

I ‘Mondi di Cristallo Svarovski’ si trova nei pressi di Wattens, a breve distanza da Innsbruck. E’ un parco a tema splendido, inaugurato nel 1995 in occasione del centenario dell’omonima azienda. Nel 2015 è stato ampliato e completato, assumendo l’aspetto attuale. 

 

IL GIARDINO DEL GIGANTE – è un parco con installazioni artistiche eccezionali. Artisti da tutto il mondo hanno trovato spazio per i loro progetti, rendendo questo giardino un mix eccezionale di arte contemporanea, storia antica , bellezza e forte energia. Il volto del ‘Gigante’ accoglie l’ingresso dei visitatori, coi suoi occhi scintillanti e una cascata d’acqua che gli sgorga dalla bocca. 

 

LE CAMERE DELLE MERAVIGLIE – sono una serie di 16 stanze e locali, ciascuno con un diverso scenario e una sua installazione capaci di trasmettere infinite sensazioni e emozioni. Il tutto con un tema comune, ricorrente e preponderante: il cristallo Swarovski !

 

GIOCHI PER BAMBINI DI OGNI ETA’ – Una torre di cinque piani è completamente adibita a parco giochi per bambini. Ma anche in esterno ci sono varie attività, come il labirinto, finalizzate al divertimento di tutta la famiglia.

 

 

Festival delle luci dei Mondi di Cristallo Swarovski (Lichtsfestival)

Dal 30 gennaio al 19 febbraio gli oltre 7 ettari di parco saranno immersi in un’atmosfera mistica di luci e suoni. L’incanto del cristallo si fonderà con la magia della luce, regalando uno spettacolo  totalizzante.

 

swarovski kristallwelten

 

Il giardino del Gigante

Dalle 17:00 alle 20:00 luci laser e musica trasformeranno il Giardino del Gigante in un paesaggio surreale

Gli artefici sono un collettivo di artisti creativi berlinesi “Phase 7 Performing Arts”  sotto la guida di Sven Soeren Beyer consentiranno ai visitatori di vivere un’esperienza unica e ricca di emozione

 

Disco a luce nera

Per tre fine settimana (4, 11 3 18 febbraio) dalle 16:00 alle 19:30 la Torre dei Giochi verrà trasformata in una discoteca. Ballerini professionisti eseguiranno performance di hip hop, truccati con colori fluo reagenti ai raggi UV e braccialetti iridescenti fra nastri adesivi dai colori accesi e bolle di sapone. Entrata : gratuita dino a 14 anni, adulti € 9,50  

 

Un po’ di numeri  

Qualche dato tecnico che lascia intuire la portata di questa manifestazione:

  • 5000 mt. di cavi elettrici 
  • 1.000.000 di Lumen = 700 lampadine da 100 Watt
  • 500 riflettori
  • 120 tonnellate di materiale   

 

Informazioni e prenotazioni  

Visita sul sito ufficiale di “Swarovski Kristallwelten !

 



Booking.com




Tirolo coi bambini: indimenticabile Wirtshaus Nattererboden

Dolcemente immerso nei boschi di conifere, Natters è uno dei villaggi d’incanto dell’Innsbruck ‘surroundings’. A breve distanza dal paesino, Wirtshaus Nattererboden si presenta come una graziosa struttura in tipico stile locale, gestita dai coniugi Albert in maniera eccellente con grandissima dedizione e cura. Gli interni in legno e le decorazioni in stile tirolese rendono l’atmosfera calda ed estremamente piacevole.

PicMonkey Collage1

PicMonkey Collage2

A noi è stato assegnato un appartamento delizioso, il più grande: angolo cottura, camera matrimoniale immensa e di nuovo un matrimoniale e due lettini al piano di sopra. Dalle grandi finestre un impagabile panorama sulla campagna circostante. E’ stato amore a prima vista!

Untitled design

DSC00069

Abbiamo avuto l’onore di parlare a lungo con Martina Albert, persona di grande disponibilità e cortesia.

Ci ha raccontato di come sia nato Nattererboden: negli anni ’70 non era altro che una dimora di campagna della Famiglia Albert, commutato a gasthof ( di cui mantiene ancora parte dei pregiati interni originali in legno lavorato) per poi iniziare l’espansione dagli anni ’80 e diventare pian piano ciò che è adesso: un hotel accogliente, confortevole, curato e versatile, ideale per un soggiorno lungo ma anche perfetto come location di eventi.

Qui si tengono meeting, compleanni, cene aziendali e fiore all’occhiello, dei matrimoni indimenticabili. Immaginate la scena degli sposi in carrozza, trainata da cavalli bianchi, arrivare lungo il sentiero fra boschi, prati verdissimi e montagne come cornice. L’aperitivo servito all’aperto di fianco all’area giochi, per la gioia di tutti i bambini ( e non solo…). Non sono forse presupposti per una cerimonia da fiaba?

E’ stato interessante parlare con Martina: con la sua calma contagiosa ci ha accompagnato in un tour nella sua fattoria, ‘Martina’s Bauernhof’, pensata e coltivata personalmente con amore. Lei si occupa di moltissime cose a Nattererboden ma prendersi cura degli animali la rende proprio felice. E si vede!

DSC00536
Martina’s Bauernhof – Nattererboden

Animali da cortile,galline, oche, papere. C’era un pulcino appena nato e un uovo in via di schiusura: che emozione quel buchetto nel guscio! Maiali, conigli, capre, pecore, alpaca, cavalli ed asini. Tranne gli equini, il resto degli animali è lasciato libero di gironzolare in piena libertà poiché il recinto è grandissimo e comprende anche parte del bosco adiacente.

PicMonkey Collage4DSC00544

Alcune razze sono ricercate e rare, come l’asino bianco ed i maiali maculati. Un micetto affettuosissimo e morbidissimo veniva a farci visita ogni giorno, miagolando teneramente alla finestra del nostro appartamento. Come non farlo entrare?

Su una cosa non vi è alcun dubbio: a Nattererboden tutti quanti, sia gli animali che persone, sono coccolati e trattati con estrema cura.

Veniamo adesso ai piaceri della tavola. Profumi e sapori della tradizione sono magistralmente combinati con piatti elaborati. Si possono gustare ottimi cibi tirolesi ma anche sontuosi piatti di pesce, il tutto di indubbia bontà e qualità. I prodotti utilizzati sono quelli locali, quando possibile direttamente della fattoria stessa.

E’ il Signor Albert ad occuparsi personalmente della cucina, instancabile, spadellando da mattino a sera con infinita passione. Eh sì, perché a Nattererboden il ristorante è aperto tutto il giorno, 7 giorni su 7 e per tutto l’anno! Perciò nessuna scusa, a Nattererboden  si mangia a qualsiasi ora.

PicMonkey Collage6

Vorrei spendere due parole anche sulle bevande, il vino in particolare. Martina ci ha riservato un trattamento d’eccezione accompagnandoci in un ‘caveau’ ricco di tesori preziosissimi: la cantina. Coi suoi oltre 300 anni (portati molto bene) è un cuore pulsante di eccellenza vinicola.

Qui si conservano moltissimi tipi di prodotti: vini commerciali, molte varietà locali, europee ed internazionali, dai più celebri italiani fino ai maggiori francesi. Tutti sapientemente organizzati e gelosamente custoditi. Un luogo surreale, felicissima di esserci stata.

DSC00641
Cantina

DSC00645

Passione, appunto, una delle parole chiave di questo meraviglioso viaggio in Austria. Ancora una volta il valore aggiunto è dato proprio dalle persone, dal loro impegno in una gestione familiare fortemente legata alla tradizione ma con un occhio sempre volto in avanti.

Qui la clientela è formata in gran parte da repeaters: famiglie che di anno in anno ritornano, come ad un appuntamento fisso perché Nattererboden ci si sente come a casa, solo più coccolati. La famiglia Albert diventa un po’ come dei parenti coi quali non vediamo l’ora di trascorrere del tempo durante le vacanze.

I bambini trovano tutto ciò di cui necessitano: parco attrezzato all’aperto, sala dei giochi all’interno, animali, natura, escursioni in pony… Qui siete certi di trovare tutto ciò che serve a una famiglia in vacanza.

Nattererboden, indimenticabile, ci sei rimasto nel cuore.

Famiglia Albert, un immenso GRAZIE per tutto : siete straordinari!

PicMonkey Collage

DSC00597
Nattereboden – parco giochi

Il periodo migliore per andare? Tutto l’anno.

Punto di partenza ideale per: sci, passeggiate, il Nattersee, Inssbruck e la valle dell’Inn e molto altro.

Indirizzo e contatti:

Natterer Boden 1 , A-6161 Natters/ Innsbruck in Tirol
Tel. +43 / 512 / 54 62 00
Fax +43 / 512 / 54 62 00-4
E-mail: wirtshaus@nattererboden.at
Sito web

< Accommodation sponsored by “Wirtshaus Nattererboden” >




5 occasioni per innamorarsi dello Zillertal

Non si può che innamorarsi di questa regione incantevole.

Procedendo lungo la valle del fiume Inn, da Innsbruck verso Kufstein. Si lascia l’ autobahn A12 all’altezza di Jenbach per dirigersi verso sud ed oltrepassando il tunnel si apre uno scenario incantevole: una valle meravigliosa plasmata dal tempo e dal fiume Ziller. Mi affascina sempre moltissimo pensare che dei corsi d’acqua, che a volte sembrano poco più che ruscelli, siano proprio loro i veri protagonisti di quegli scenari alpini che tanto adoro.

DSC00949

Una strada pressoché pianeggiante si snoda sul fondo-valle, fiancheggiata dal fiume, appunto e dalla ferrovia. Ai lati le pendici assumono varie tonalità di verde, chiaro per i prati, scuro per i boschi di conifere. E qua e la paesini, chiesette con lunghissimi tetti appuntiti, piccole casette sparse, malghe e qualche vetta innevata di recente. Non sembra già una cartolina? Ma il bello deve ancora venire…

Se la componente paesaggistica è così notevole, non da meno lo sono i servizi e attività proposte. La Zillertal Activcard* (assolutamente da acquistare!) consente di avere molteplici convenzioni come l’andata e ritorno in funivia gratuito, l’entrata in piscina, l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici e scontistiche in numerosi esercizi commerciali della zona.

DSC00918
Zillertal Arena

  • Zillertal Arena – sono molte le attività con base di partenza Zell am Ziller. Alla stazione di partenza della cabinovia si trova un’ampia area con negozi, ristoranti e parco giochi per bambini.

Qui si può provare il “Coaster” e scendere velocissimi lungo il fianco della montagna (con un panorama unico) , lanciarsi dal trampolino su di un enorme “materasso” ad aria o semplicemente rilassarsi ai tavolini di uno dei ristoranti e gustare le specialità locali.

ZA_bagjump2
foto tratta da Zillertal.at

Da qua si parte con la cabinovia per salire in quota per magnifiche passeggiate, discese in bici e molto altro ancora, come andare al Fichtenschloss.

  • FichtenSchloss – con la cabinovia, scendendo al capolinea (non alla stazione intermedia, mi raccomando!) si arriva al Fichtenschloss. Che meraviglia ragazzi, una roba davvero unica nel suo genere. Lo si vede già arrivando, spicca il suo colore di legno chiaro in mezzo al verde dei prati e dei boschi circostanti. E’ bellissimo già a guardarlo da lontano, credetemi. Nuovissimo, inaugurato in luglio di quest’anno, potremmo definirlo un parco giochi ma sarebbe limitante come appellativo.

DSC00962

DSC00995

DSC01001

Adulti e bambini possono darsi all’avventura arrampicandosi sul castello, scendendo dagli scivoli, provando i vari giochi con acqua, sabbia e cimentandosi nel percorso di abilità nel boschetto adiacente. E la vista poi…da lassù il panorama sulla valle dello Zillertal è incantevole.

E per l’ora di pranzo l’area barbecue è perfetta. Si può portare la carne “da casa” o acquistarla in loco. Come si spiega il Fichtenschloss? Va provato!

Ah già, dimenticavo, l’entrata è gratuita.

  • Mayrhofen – nel cuore più profondo della valle, Mayrhofen è una cittadina moderna, vivace e brulicante di gente di ogni età. La via principale è tempestata di negozi alla moda e bei locali dove fare una pausa a sorseggiare o sgranocchiare qualcosa di buono  in totale serenità, seduti su comode sedie o panche rese più accoglienti da cuscini e coperte per potersi scaldare. Molti anche i negozietti di artigianato locale.

DSC00863
Mayrhofen – bottega di artigianato

Qui le vette raggiungono i 3000mt dove le nevi sono quelle del ghiacciaio perenne ed oltre agli sport invernali ci sono miriadi di possibilità di praticare sport ed attività, sia all’aperto che al chiuso. Eh già, perché qui il clima è molto variabile ma certo è che non ci si annoia mai!

  • Zillertalbahn – è una ferrovia che collega Jenbach a Mayrhofen. Una volta al giorno la tratta è effettuata con treno d’epoca e locomotiva a vapore, Dampfzug. Un viaggio lento, con lo sguardo sognante fuori dal finestrino, la magia di un salto a ritroso nel tempo… un’esperienza elettrizzante da da non perdere!

 

  • Zillertaler Heumilch Sennerei – a Fügen , la località principale della valle, proprio in prossimità di uno delle più grandi segherie d’Europa, il caseificio apre le sue porte al pubblico. E’ possibile assistere al lavoro di produzione dei formaggi direttamente da un corridoio antistante le sale di lavorazione. Un filmato spiega nei dettagli il processo dall’alimentazione degli animali da latte alla tavola.

DSC00861
Heumilch Sennerei – Schaukaeserei Fuegen

Inoltre, una sala appositamente allestita a museo permette di scoprire come si faceva il formaggio prima dell’era dell’acciaio inox. Stacci, torchi, forme, tutto rigorosamente originale ed in legno.

All’uscita, un negozio ben fornito permette di degustare ed acquistare i vari prodotti.

L’entrata è gratuita per gli individuali, per i gruppi da 10 persone, visita guidata su richiesta.

DSC00846
Museum Heumilch-Sennerei, Fuegen

DSC00907

NOTIZIE UTILI:

Zillertal Activcard – prezzi aggiornati al 2016: 6, 9 e 12 giorni con un costo rispettivo di € 61.50, 84.00 e 105.00 (bambini -50%). Acquistabile presso vari punti vendita fra cui le casse dello stabilimento “Zillertal Arena”.

Consultate i portali Zillertal.at e Tirolo.tl : troverete preziosi suggerimenti che vi saranno utilissimi.

Dove dormire? il “Ferienhotel Sonnenhof” di Zell am Ziller è una location strepitosa, semplicemente perfetta per ogni genere di clientela, con un occhio di riguardo e servizi ad hoc per le famiglie. Ma di questo parlerò prossimamente in un post dedicato.

< Accommodation sponsored by “Ferienhotel Sonnenhof” Zell am Ziller >



Booking.com




#TravelbreathAustria in partenza!

Ebbene ci siamo quasi, pochi giorni e finalmente partiremo alla volta dell’Austria. Questa volta sarà un viaggio in auto proprio come piacciono a me: in parte organizzato ed in parte da improvvisare.

Il mese di agosto, ahimé, non è proprio l’ideale per viaggiare ma questo non è un mistero. Per quanto riguarda l’improvvisazione potremmo avere qualche difficoltà a trovare disponibilità nelle date centrali del mese ma che dire, io confido sempre che dagli imprevisti possano scaturire magnifiche opportunità e così certamente sarà!

sunflower-1156539_1280

Veniamo alla parte pratica. Con gli anni ho imparato a selezionare molto il quantitativo di cose da portare al seguito, soprattutto quando volo. Sembrano lontani anni luce nel tempo quei bagagli strapieni di roba stipata…riportata a casa quasi del tutto intonsa!

Devo ammettere però che quando partiamo con auto propria tendo a farmi prendere un po’ la mano al grido di “tanto abbiamo ancora spazio”. Ora, in questo caso il clima potrebbe essere molto variabile perciò un certo grado di “portiamo anche questo, non si sa mai”  è anche lecito.

In effetti (santa esperienza) è preferibile diversificare gli indumenti per un look ‘a cipolla’ senza dimenticare k-way né piumino leggero. Il tutto rigorosamente all’insegna della comodità, e su questo punto non ci piove (speriamo che non piova proprio!).

Naturalmente auspichiamo in un tempo clemente ma son dell’idea che, salvo diluvio universale, qualche goccia non debba compromettere i nostri programmi. Credo di aver letto  di un proverbio che recita qualcosa del tipo :”non esiste cattivo tempo ma solo abbigliamento sbagliato”. Rende l’idea vero?

Qualcuno si chiederà del perché abbiamo optato per l’Austria.

Beh, anzitutto perché non la conosco molto ed è comoda da raggiungere. Inoltre amiamo i paesaggi alpini e se proprio vogliamo essere sinceri…ho aperto l’atlante sull’Europa e puntando un po’ a casaccio è uscita fuori proprio lei.

L’Austria si presta sia al soggiorno stanziale che al viaggio itinerante e ci sono un sacco di attività da provare con tutta la famiglia oltre ad arte, cultura e festival musicali ovunque in Agosto soopratutto.

La prima tappa sarà a Natterersee, poco lontano da Innsbruck. Alloggeremo al Nattererboden in un appartamento in stile tirolese dove gusteremo deliziosi piatti della tradizione e ci godremo il magnifico parco abitato da molti animali da fattoria.

Dedicheremo il tempo che occorre per rilassarci un po’ e visitare Innsbruck, dopodiché ci sposteremo ad est percorrendo la Valle dell’ Inn. Dopo Hall e Schwaz faremo tappa allo Swarovski Kristall Welten, un luogo incantevole tutto da scoprire.

kris-valley-worlds-720472_1920

Dopodiché per un paio di notti saremo a Jenbach . Andremo a Schloss Tratzberg e (tempo e tempi permettendo) proveremo un’atmosfera d’altri tempi a bordo del trenino a vapore che percorre la valle dello Zillertal.

Tratzberg Innenhof

Tappa successiva, St.Johan in Tirol, nel comprensorio di Kitzbühel. Questo sarà un weekend movimentato: ci attendono una discesa in MountainCart di 5km ed un parco avventura con i fiocchi HornPark. Penso proprio che ne vedremo delle belle!

mountaincart

Proseguiremo verso il confine con la Germania e la notte di Ferragosto saremo Auracher Löchl di Kufstein.

Ci sposteremo poi a Salisburgo. Il centro città è relativamente piccolo, a misura d’uomo ed è possibile visitare le maggiori attrazioni spostandosi comodamente a piedi. Perciò abbiamo prenotato un walking tour guidato: esperienza nuovissima per me, non l’ho mai provato.

E’ un modo per godersi la lentezza che magari non troveresti in un tour in bus, per esempio. E poi devo dire che esplorare un luogo a piedi, secondo me, ha un fascino tutto suo, ti fa sentire maggiormente parte di esso.

Da questo punto in poi l’itinerario è suscettibile di variazione ma credo trascorreremo gli ultimi giorni di viaggio nel Salisburghese o nella regione dei laghi della Carinzia.

Parole d’ordine? Arte, storia, cultura, puro divertimento, natura, buon cibo e paesaggi mozzafiato. Wow!

Un grazie speciale a chi vorrà seguirci.

#travelbreathaustria

697-3-grande-1-panorama-lago-woerthersee-carinzia