Bill Viola a Firenze – Rinascimento Elettronico con i bambini

 

RINASCIMENTO ELETTRONICO

Bill Viola a Firenze. La magnifica cornice di Palazzo Strozzi ancora una volta ci ha accolti con grandissimo calore. Il Museo propone continuativamente vari tipi di attività mirate e legate alle mostre in corso.

Noi, come di consueto ormai, abbiamo partecipato a un entusiasmante Laboratorio per Famiglie.

 

Ecco la nostra esperienza con Bill Viola e il RINASCIMENTO ELETTRONICO , visitabile da 10 Marzo al 23 Luglio 2017 .

 

Bill Viola laboratorio famiglie

CHI E’ BILL VIOLA

Bill Viola è un artista americano, maestro indiscusso della videoarte contemporanea.

Nato a New York ma di nonno italiano, ha da sempre un fortissimo legame con l’arte italiana e toscana in special modo.

Proprio a Firenze ha iniziato le sue sperimentazioni negli anni ’70 . In questo periodo espone già in mostre internazionali oltre ad essere direttore tecnico della casa di produzione art/tapes/2, facendo la storia italiana di questo linguaggio.

 

Le opere rinascimentali sono per lui fonte di grandissima ispirazione : le analizza, le manipola lasciando a ciascuno la libertà di interpretarle.

Come già sostenuto, approcciare i bambini a l’ arte contemporanea  (anzi, la videoarte) fa riflettere noi adulti su quanto essa sia davvero alla portata di tutti.  E’ comprensibile a ciascuno di noi nella misura in cui ci lasciamo coinvolgere e ci abbandoniamo ad essa. L’arte è emozione, chiunque può comprenderla.

 

PUO’ INTERESARTI ANCHE “AI WEIWEI A FIRENZE

 

SENZA PAROLE!

Il ritrovo è davanti alla biglietteria (non occorre fare la coda), dopodiché si sale al primo piano. Qui ha inizio il laboratorio chiamato ‘Senza Parole’, destinato a famiglie con bambini 7-12 anni.

 

Una premessa è doverosa su questa giornata. L’attività a cui abbiamo partecipato noi, il 3 Aprile scorso, ha subito qualche ‘aggiustamento’ e piccole modifiche in base al normale decorso. Ma c’è un perché. In quel giorno infatti Palazzo Strozzi avrebbe accolto nientemeno che Charles Prince of Wales, per gli amici Carlo d’Inghilterra. Sorveglianza strettissima, stampa internazionale, divieto di foto ecc…

 

Perciò svolgimento è stato leggermente alterato e, sicuramente, movimentato da questa visita così eccezionale. Non capita certo tutti i giorni (per lo meno non a me) di incontrare un sovrano vis-à-vis, giusto?

 

Carlo si è intrattenuto con noi, interessandosi alle attività e scambiando qualche parola coi bimbi: è stato davvero molto piacevole e umano, caratteristica che – chissà perché – tendiamo a non aspettarci da certi illustri personaggi. Che poi, ho scoperto, ha una gran bella fattoria a coltivazione biologica – altra cosa che per qualche motivo pregiudizievole, forse, non mi sarei aspettata -.

 

Piccole curiosità a parte, iniziamo il percorso espositivo. 

Bill Viola a Firenze Rinascimento elettronico

LE INSTALLAZIONI

Le stanze espositive si susseguono secondo un percorso ben preciso. E’ una vera esperienza immersiva fra spazio, suono, immagini, movimenti,persone, volti, corpi… Protagonista è l‘espressività di uno sguardo, di un gesto o di un’azione. Come anticipato Bill Viola prende ispirazione dalle grandi opere del Rinascimento fiorentino, manipolandole a proprio modo e rendendole “elettroniche”.

E’ un dialogo fra antico e moderno con una potenza comunicativa ed espressiva che lo rende veramente fruibile a tutti.

Non starò a spiegare nel dettaglio le varie opere ma vorrei darvi un accenno di ciò che abbiamo visto e sperimentato. Le installazioni non sono altro che dei ‘filmati’ che si ripetono in modo ciclico. Ci si sente quasi ipnotizzati e sicuramente parte dell’opera, come rapiti e invasi da suoni, luci, colori ed espressioni.

 

Bill Viola a Firenze Rinascimento elettronico

 

The Path

Una parete lunga molti metri riproduce un bosco di pini. Da sinistra a destra scorre un flusso ininterrotto di persone di varia estrazione e ognuna diversa dall’altra.

In comune hanno solo il fatto di andare ‘nella stessa direzione’ .

Chi a passo lento, con aria sognante. Chi frettoloso, magari portando con sé una valigetta.

A questo punto i bambini sono chiamati a prendersi del tempo e scegliere almeno un personaggio. Quello che li ispira di più, che trovano più interessante o semplicemente più buffo. Li si invita quindi a dargli un’identità immaginaria.

Alla fine ciascuno lo descriverà raccontando agli altri chi è, da dove viene e dove sta andando. Quanto è interessante ascoltare le varie storie! Non una uguale all’altra ma questo ci fa capire quanto il nostro inconscio recepisca gli stimoli visivi e ne tragga conclusioni ben precise.

 

Insomma, fattori estetici e comportamentali ci dicono molto di un individuo, sopratutto in base alla personale esperienza di chi guarda. Questo dovrebbe farci riflettere anche su quanto ciò potrebbe essere ingannevole, per esempio. 

Cercando di spiegarlo lo sto rendendo complicato, cosa che assolutamente non è. 

 

Perdonatemi e … andate a farvi un giro a Palazzo Strozzi : non ve ne pentirete.

Bill Viola laboratorio famiglie

 

E POI?

E poi no resta che mettere in pratica l’insegnamento di Bill Viola. 😉

L’attività di laboratorio consiste infatti nel RIFLETTERE e SPERIMENTARE le potenzialità espressive del nostro corpo.

Adulti e bambini si mescolano e ciascuno è chiamato a proporre o imitare gesti, smorfie, sorrisi e interfacciarsi con gli altriSi alternano momenti individuali a sinergie di gruppo.

 

Il tutto con una chiave ben precisa : mostrare dimostrare la POTENZA della comunicazione NON VERBALE. Come ogni nostro movimento o sguardo sia carico di grandissimo significato lo si percepisce da subito.

 

Bill Viola a Firenze Rinascimento elettronico

E da subito si capisce anche quanto i bambini siano molto più spontanei di noi e quindi decisamente più comunicativi e spudorati. Inteso con minor pudore, quindi in senso positivo poiché riescono con più facilità e e leggerezza a raggiungere gli obiettivi indicati.

 

Avete tempo fino al 23 Luglio per visitare la mostra! 

 

 

Per informazioni e prenotazioni clicca QUI 

 oppure chiama allo  055 2469600 ( lun-ven 9.00-13.00/14.00-18.00)

ACQUISTA I BIGLIETTI ON LINE