Venezia coi bambini: istruzioni per l’uso

Once upon a time…

Venezia, la Serenissima, è splendida in ogni stagione. Certo è che il cielo azzurro e limpido che abbiamo trovato in questo weekend dicembrino ci ha regalato colori vivissimi e un’atmosfera davvero appagante. 

I miei ricordi vanno a quando ero bambina, alla mia prima gita a Venezia. Avevo dieci anni. Ricordo benissimo la mia emozione durante il viaggio in treno, l’arrivo in stazione, il battello… E poi ancora San Marco, con gli ambulanti che vendevano mangime per i piccioni e io, col cappellino marinaro appena acquistato, fiera, in posizione per l’immancabile foto con la Basilica di sfondo.

La città mi sembrò una favola, già allora, con gli occhi di una decenne ribelle ma anche curiosa e interessata. (attenzione che adesso è proibito dar da mangiare ai volatili)

Anche il ‘nano’, proprio come me allora, ne è rimasto molto colpito. Abbiamo camminato veramente tanto e ci siamo divertiti moltissimo. Con gli occhi di cinquenne si è goduto la città ben oltre le nostre aspettative (è diventata protagonista assoluta dei suoi disegni, bella soddisfazione, no?). 

leone di venezia

 

La Serenissima

Venezia è adorabile e incantevole, possibilmente da assaporare con lunghe passeggiate, perdendosi fra i vicoli anche col naso all’insu’. Tracce di miti, leggende, misteri e frammenti di storia della Serenissima li troviamo anche guardando in alto, sulle mura delle abitazioni, impresse nella pietra e ben mimetizzate. 

Non stupisce che sia sempre invasa da sciami di turisti da tutto il mondo. Quanto siamo fortunati ad averla a portata di mano!

Avete mai pensato a come doveva apparire ai navigatori di un tempo che arrivavano dal mare? Maestosa e potente, coi suoi circa mille anni di Repubblica Marinara.  

Arsenale

 

Venezia in pratica

Il mezzo più semplice e comodo di raggiungere la città è sicuramente il treno. Dalla stazione di Venezia Santa Lucia partono le linee urbane di vaporetto che collegano i vari punti del centro città, oltre che le altre isolette della laguna. 

Chi invece arriva con l‘auto può parcheggiare al Piazzale Roma, a due passi dalla stazione.

 

Da qui si raggiungono comodamente anche a piedi i principali luoghi di interesse. Non fatevi trarre in inganno dalle cartine che fanno sembrare Venezia un labirinto contorto di vicoli, ponticini, calli e canaletti. In realtà, mappa alla mano, ci si orienta molto facilmente (preferite il cartaceo a ‘GoogleMaps’ che certe volte non è così preciso).  

Le vie per punti principali sono segnalati anche con dei cartelli posti alle facciate degli edifici, così basterà seguire le indicazioni e arriverete tranquillamente a San Marco, Rialto ecc. Lo stesso metodo è adottato per i punti di attracco dei mezzi pubblici

Per chi si muove con passeggino a seguito c’è da mettere in conto che la maggior parte dei ponti non hanno ausili (generalmente comunque hanno pochi gradini), mentre per esempio sul litorale che guarda verso sud, dall’Arsenale a San Marco per intenderci, ci sono delle pedane che rendono l’itinerario decisamente più accessibile. 

 

 

Vaporetti e gondole

Mollare il trasporto in gomma potrebbe creare un po’ di ansia, semplicemente non siamo abituati. State tranquillissimi, i trasporti a Venezia funzionano molto bene e sono di facile utilizzo

Vaporetto – biglietto singolo € 7,50 , gratuito fino a 6 anni è valido 75 min. Deve essere obbligatoriamente obliterato ad ogni imbarco. Riduzioni per studenti e over 60, oltre che tariffe forfettarie per le 24h o per più giorni. Il prezzo è fisso, indipendentemente dalla lunghezza della tratta. 

Un giro in gondola? Benissimo, se ne trovano a volontà. I costi dipendono da vari fattori, è comunque un servizio privato. Come alternativa ci sono delle gondole collettive con cui attraversare il Canal Grande a un prezzo contenuto (controllare sulla mappa i punti di imbarco).

 

 

 

Mangiare e dormire

Per il soggiorno noi abbiamo optato per un appartamento nel quartiere San Marco e ci siamo trovati benissimo. In pochissimi minuti si arriva in San Marco percorrendo le vie del fashion con bellissimi negozi e grandi firme.

Ci sono infinite possibilità di alloggio, anche fuori centro. In questo caso è da considerare di fare avanti e indietro con i mezzi. Anche la zona della stazione di Santa Lucia non è male, come anche Cannaregio. Ribadisco che muoversi a piedi è molto semplice e le distanze sono percorribili con al massimo 45min di passeggiata.

 

Dove mangiare? Beh, come in tutte le città la scelta è multipla. Per una ricca colazione al mattino siamo stati al ‘Calice’ : ottimi prodotti e prezzi ragionevoli a due passi da San Marco. Ideale anche per un aperitivo/cena.

Per lo spuntino a metà giornata mi sento di suggerire uno dei vari ‘pasta take away’ (es. “Dal Moro’s Fresh Pasta to Go”) .

La cena richiede un po’ più di calma, seduti e in totale relax. Il mio consiglio è “Sbizzarritevi!” . Ce n’è per tutti i gusti – e tutte le tasche -. Da provare le specialità di pesce, magari in uno dei numerosi  e caratteristici ‘bacari’. Per chi invece non vuol rinunciare alla pizza, indicativamente siamo sull’ordine dei 8€ margherita.

 

Tips

Venezia City-Sightseeing – un modo di scoprire la città a bordo di battelli che effettuano varie fermate in laguna (anche su Lido e Murano): un giro di Venezia sali e scendi.  E’ comodo perché si può scendere, visitare l’area e risalire sull’imbarcazione successiva. Biglietto valido 24/48h.

Sightseeing Experience Mobile App ve la consiglio, da scaricare sia su AppStore che GooglePlay. In modo semplice e pratico per esplorare ed orientarsi in città.  Si può scaricare una mappa off-line del centro storico e un’audioguida di un WalkingTour cosigliato, con tanto di spiegazione da ascoltare comodamente dal proprio smartphone.  Stampa  1. mappa città    2. mappa walking tour 

 Venezia Unica  – tenete d’occhio questo portale, vi sarà sicuramente utile. Da qui si può acquistare la CityCard, un servizio molto interessante che offre convenzioni e promozioni e permette di personalizzare la permanenza in città. Nei punti vendita autorizzati (uno anche in stazione) si può acquistare la mappa cartacea dettagliata della città al costo di €3.

Venezia, ci rivedremo presto!

 

 

SCONTO DEL 5% SU TUTTI I PRODOTTI “MAMMA CULT”

Clicca QUI SOTTO e inserisci il COUPON SCONTO: 17MC-GN (solo fino al 10 Febbraio)

Mamma Cult



Booking.com

Sharing is caring
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://travelbreath.it/2016/12/30/venezia-coi-bambini/

4 thoughts on “Venezia coi bambini: istruzioni per l’uso

  1. Ma che meraviglia! L’ultima volta sono stata a Venezia qualche mese prima di sposarmi e senza pargolo.. prima o poi quindi ci voglio tornare con lui! Secondo me l’immagine di una città senza auto e con i canali che la attraversano, è affascinante anche per i piccoli!

    1. E’ stato meraviglioso per tutti. Ti dico, abbiamo camminato veramente moltissimo ma è così divertente e rilassante senza il caos di auto che normalmente troviamo in città. Venezia è davvero speciale, agli occhi di un bambino poi sembra ancor più magica, quasi uscita da una fiaba. Grazie per il commento, a presto 😉

  2. Io è da tanto che ci voglio andare e mi hai fatto proprio venire voglia… soprattutto perché credo che per i bambini una città sull’acqua sia una bella sorpresa! !! Ci andrò! Grazie dei suggerimenti! A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *