Arte e natura alla Fattoria di Maiano

image_pdfimage_print

 Ecco una proposta per una giornata insolita , un mix di natura, relax, arte, cultura, artigianato e buon cibo. Dove? Alla Fattoria di Maiano, naturalmente. A soli 5km dal centro storico di Firenze, il Borgo di Maiano gode di una posizione fantastica sulle colline di Fiesolane, celebri per il panorama assolutamente invidiabile (ma non solo).

Per secoli questi luoghi hanno svolto funzione di ‘cava’ della città, da cui veniva estatta la pietra per la costruzione dele dimore fiorentine. Con oltre 600 anni di storia – le origini risalgono agli inizi del ‘400 – rappresentano una grande risorsa strico-artistica, culinaria ed ambientale.

Si pensi che qui hanno lavorato e trascorso parte della loro esistenza illustri personaggi del calibro di Michelangelo, Boccaccio e Leonardo da Vinci. A proposito di quest’ultimo, sembra che proprio da qui siano partiti i vari tentativi con le ‘macchine per il volo’.

A metà dell’800 il Borgo, le cave abbandonate, la Villa ed altre case sparse sul territorio, diventarono oggetto di un importante progetto di ristrutturazione che vide coinvolta un’ampia area suddivisa poi in varie destinazioni d’uso.Fattoria di Maiano

Fattoria di Maiano

La Fattoria di Maiano ad oggi offre molteplici possibilità, ideale per trascorrere una giornata all’aria aperta in famiglia, con gli amici o semplicemente a due. Il ristorante ‘Lo Spaccio’ è rinomato per l’ottimo cibo ed è aperto tutto l’anno. La posizione incantevole e la versatilità degli ambienti , fanno di questa struttura una location ideale per fascinosi matrimoni, meetings, degustazioni, set fotografici e chi più ne ha più ne metta.

La Mostra Mercato , che quest’anno si è svolta durante il primo weekend di Aprile, è un’occasione unica di godere di una meritevole manifestazione in un posto magnifico. Oltre 80 artisti, ognuno col proprio banco espositivo, hanno riempito interni ed esterni della Villa, molte volte mostrando in diretta la creazione del loro prodotto.

Un’armonia di colori, profumi e forme che , non mi vergogno a dirlo, a me ha scatenato un tripudio di endorfine!

Vi racconto un po’ la nostra giornata. Una volta varcato l’ingresso, attraversando un corridoio , siamo arrivati nel cuore pulsante della villa: il magnifico chiostro, brulicante di gente , sul quale si affacciano gli appartamenti al piano di sopra, anche essi allestiti per l’occasione. Ho trovato molte idee originali, veramente ad arte e fantasia non c’è limite ( o meglio, c’è solo quello che noi vi poniamo). Borse, ceramiche, gioielli preparati anche sul momento e su misura , sete dipinte.

Questo non è stato che l’inizio… All’esterno la loggia, il piazzale d’entrata, la vecchia scuola, insomma, tutti quanti gli spazi adibiti ad esposizione. Nei giardini adiacenti la piscina, un gruppetto di scultori di vari materiali (pietra, legno, argilla) esibivano le loro opere ed alcuni procedimenti per realizzarle. Muniti dei propri ‘ferri del mestiere’ forgiavano le loro creature sotto gli occhi affascinati dei visitatori. Il tutto incorniciato da un’impareggiabile panorama.IMG_20160403_144831

Fattoria didattica e molto ancora

Dopo aver visitato la mostra ( ed aver desiderato acquistare di tutto!) siamo usciti nel parco a godere del magnifico sole primaverile e di un po’ di divertimento nel parco giochi allestito nell’uliveta. A proposito, la Fattoria di Maiano vanta di un’azienda agricola a totale indirizzo biologico con ben 20.000 ulivi. Per l’occasione nel cortile adiacente al vialetto di ingresso, era stato allestito uno spazio ristoro con tavoli e panche dove abbiamo pranzato con un gustosissimo hot-dog .

Lungo un percorso costellato di cipressi e querce del Giardino Botanico è possibile fare una piacevolissima passeggiata fino al Laghetto delle Colonne – ricavato all’interno di una vecchia cava di pietra – fino alla Casa del Thè, originale location per una pausa merenda. Su prenotazione è possibile inoltre effettuare un ‘safari’ a bordo di jeep, sia in diurna che in notturna, raggiungendo anche gli angoli più nascosti e remoti della proprietà.

Fattoria di Maiano
IMG_20160403_145014 Fattoria didattica

IMG_20160403_140638IMG_20160403_144640Più in basso, sul fianco della collina, lo spazio è adibito a fattoria didattica con dei sentierini che si snodano attraverso i vari recinti con gli animali : socievoli asinelli, struzzi, caprette,varie specie di galline ed affini, mucche. A proposito, avete mai visto da vicino un cinghiale?

Beh, qui lo vedrete allego scorrazzare in compagnia dei cugini maialini. Noi ci siamo divertiti anche a rincorrere le oche fra un gruppo di artisti impegnati in una estemporanea di pittura (cercando di non dar troppo fastidio, per quanto possibile). Dopo tutto questo scorrazzare ci voleva proprio un bel gelato: stesi sul prato verdissimo, all’ombra di un ulivo, con un panorama mozzafiato , ad ascoltare i suoni della natura… è possibile volere di più?!

IMG_20160403_154841Info pratiche:

Maiano è un piccolo borgo che si sviluppa lungo una stradina collinare, perciò non vi sono molte possibilità di parcheggio in prossimità della Villa. C’è da dire che sono davvero ben organizzati, in particolare per occasioni come questa , ausiliari del traffico guidano le auto verso le aree di sosta più vicine, oppure bloccano l’accesso alle piazzole ormai esaurite.

Questo è di grande aiuto, soprattutto su strade dove il doppio senso di marcia non è agevole già in condizioni di traffico normali.

L’ingresso alla Fattoria di Maiano prevede il pagamento di Eur 7 (bambini gratuiti)

IMG_20160403_151855

Fattoria di Maiano

icon-car.pngKML-LogoFullscreen-LogoQR-code-logoGeoJSON-LogoGeoRSS-Logo
Fattoria di Maiano

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Fattoria di Maiano 43.794015, 11.304275

Sharing is caring
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://travelbreath.it/2016/06/13/arte-e-natura-alla-fattoria-di-maiano/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *